quando accendete il navigatore?

io quando viaggio accendo il navigatore quando non sono certo della strada corretta quindi di solito sui raccordi autostradali importanti o avvicinandomi alla meta il resto lo faccio a vista, quello però che ho fatto caso è questi raccordi li ho sempre fatti senza problemi e dove si trovava un luogo lo trovavo sulla cartina e davo un colpo d'occhio veloce alla strada da percorrere il tutto mentre si faceva scaldare il motore, ora non lo faccio più mi annoio a far scaldare, mi sono scordato i raccordi importanti, e non decido più io che strada fare ma il navigatore... negli ultimi tempi come scritto sopra ne ho limitato l'utilizzo, e mi sono accorto che spesso facciamo strade differenti cambiamo itinerari perche durante il tragitto magari decidiamo di fare una strada più panoramica magari a differenza di una superstrada, o di fare una superstrada o statale invece di un autostrada (scelta molto consigliata in francia)...
vedo anche che ci sono amici che partono da casa con il suddetto acceso, ho amici che vanno al lavoro con il suddetto acceso....ciao
«1

Commenti

  • Io lo accendo quando parto. Non mi va di sprecare gasolio perdendomi. Certo, non lo uso come se fosse la legge, decido se fare o no le varie strade proposte; come suggerivi ad esempio in Francia (ma basta deselezionare la funzione "strade a pedaggio"). 
    Questo mi evita di litigare con il mio vero navigatore (dicasi moglie) sulla scelta delle strade).
  • diciamo che se devo fare milano roma, lo accendo a roma quando devo cercare la strada.
    ma se sono in giro per l'olanda o la sicilia, lo tengo sempre acceso.
  • Io non uso più il navigatore, ma Google Maps sul telefonino. E' aggiornato in tempo reale su eventuali interruzioni e deviazioni. Per città che non conosco lo uso anche quando andiamo in giro a piedi.

  • cucciolotto ha detto:
    Io non uso più il navigatore, ma Google Maps sul telefonino. E' aggiornato in tempo reale su eventuali interruzioni e deviazioni. Per città che non conosco lo uso anche quando andiamo in giro a piedi.

    si ma google map non sa che hai un "bestione" altro 3 mt e lungo 6/7 metri....
    “La mia casa continuerà a viaggiare su due gambe e i miei sogni non avranno frontiere.” 

    CHE GUEVARA
  • boh non so quando mi faccio portar da lui sembra di goder meno il viaggio, di non leggere le uscite di non rendermi conto dove sono in quel momento... ma sono solo mie senzazioni.
    cuciolotto, io ho guidato tanto (grandi autocarri) tieni sempre presente che prima dei ponti bassi, sottopassi c'è sempre un cartello che ne segnala l'altezza tieni presente che tengono sempre un poco poco di margine se l'asfalto è nuovo può essere di no, ma non fidarti, se devi passare fai controllare da qualcuno e fregatene di chi suona o chi ti insulta... poi sempre nel caso sottpasso è nsegnalato anche in anticipo di solito all'ultimo incrocio disponibile per non immettersi nella strada che porta ad esso.
    probbabilmente qualcuno che non possiede il classico navigatore da camper e si fida tanto che non controlla i cartelli in qualche strada scomoda ci si infila, tenete presente che non ci sono tutti, per esempio il garmin a pietra ligure non ne segnala 1 e a finale un altro...poi le strade strette tenete sempre docchio la strada..
    ciao
  • anch'io in vicino a Santiago ho usato per un giorno google maps, fino a che non mi sono trovato in una strada a senso unico ed unica corsia, con montagna da una parte e burrone dall'altra, davanti ad un sottopassaggio non segnalato alto 2,20, con un mezzo la cui mansarda sfiora i mt 3,30.
    Dietro di me avevo un pullman anche lui con google map.
    Abbiamo dovuto fare la retro tutti, in mezzo agli insulti degli automobilisti, mi hanno anche detto Italiano di emme...

    Col mio tom tom track ho impostato:
    Altezza mezzo 3,50
    larghezza 2,50
    lunghezza 8 metri
    Ed in simili situazioni non mi ci trovo più.

    Quando poi voglio fare una strada panoramica e rischiosa, la faccio comunque ma su mia libera scelta, non certo perchè mi ci ha portato google map.
    Magari mi fermo a chiedere prima se col camper ci si passa.



  • si sono sicuro che in giro per il mondo ci saranno sicuramente situazioni come la tua, ma ho solo detto che con i navigatori si guarda meno i cartelli stradali del tipo lavori in corso provvisori o modifiche provvisorie di circolazione, che magari senza un aggiornamento non viene segnalato dal navi...
     comunque forse mi sono espresso male io lo uso meno perchè mi sono accorto di essermi impigrito nella guida di guardare meno i cartelli stradali,e mi sono reso conto che mi serve veramente per trovare il campeggio il ristorante o il piccolo paesino, quindi per il più del viaggio è spento...
    abbiamo detto la stessa cosa se devi fare milano roma lo tieni spento magari poi a roma lo accendi... fai come me.. ciao
  • Salve, devo dire che anche io negli anni mi stavo sempre più affidando a Google Maps però l'anno scorso a Vienna mi ha fatto infilare in una strada a senso unico, talmente stretta e con auto parcheggiate da entrambe le parti che con gli specchi ho rischiato di fare il pelo ad ogni auto... una via crucis di 200 mt in prima a passo d'uomo... Per cosa poi? alla fine mi aveva fatto risparmiare un semaforo facendo un taglio utile per auto e moto ma assurdo per un mansardato.

    Da allora controllo sempre molto bene nei centri città dove mi manda Maps e devo dire che cerca sempre le strade più strette! Saranno anche le più brevi ma sembra avere la fissa dei budelli.

    Normalmente uso Here Maps, senza indicazioni delle misure del mezzo, eppure mi fa fare strade più umane...

    Non so, sarà una mia impressione su GMaps...
  • Visto che mi avvicino per la prima volta al mondo del camper, posso chiedervi che navigatori o app dedicate usate? E cosa è meglio ,un navigatore puro o un app sul tel.?
  • Bullbar ha detto:
    Visto che mi avvicino per la prima volta al mondo del camper, posso chiedervi che navigatori o app dedicate usate? E cosa è meglio ,un navigatore puro o un app sul tel.?

    Con le apk per gli smartphone rischi di infilarti in stradine troppo strette o con ponti troppo bassi per il tuo mezzo, mentre un navigatore specifico per camper calcola il percorso alternativo migliore in base alle misure che gli inserisci.
  • Dipende dalle disponibilità il top è L'Alpine doppio din , altrimenti tom tom per camper.
    ciao
    “La mia casa continuerà a viaggiare su due gambe e i miei sogni non avranno frontiere.” 

    CHE GUEVARA
  • Brianzagolf ha detto:
    Dipende dalle disponibilità il top è L'Alpine doppio din , altrimenti tom tom per camper.
    ciao
    Non conosco le prestazioni di Alpine, ma a quanto si sente in giro il TomTom Go Camper presenta parecchi problemi a livello di software. A questo punto allora penso sia meglio il mio Garmin Camper 770...
  • Anch'io ho il Garmin Camper 770. Non è comunque esente da difetti neanche questo.

  • Finora a me non ha mai dato problemi riguardanti software o strade sconosciute (lo tengo costantemente aggiornato).

    L'unica pecca riscontrata è che, se mi dimentico a casa il cavo di carica da inserire nella presa accendisigari, ha un'autonomia della batteria troppo limitata, dovuta al consumo elevato del display da 7" ed alla connessione e ricerca continua dei satelliti.

  • quest' estate ho usato il garmin top di gamma per i camper, mi faceva fare giri assurdi un paio di volte mi ha fatto fare decine di km per tornare allo stesso posto solo perchè avevo saltato una svolta, ma il top lo ha raggiunto a York (scozia) dove voleva portarmi ad un campeggio storico vicino al centro volendo farmi passare a tutti i costi sotto un ponte centenario troppo basso per un camper, ho provato più volte a deviare strada, ma sempre li mi portava. Alla fine l'ho spento e risalendo sulla strada del ponte ho visto che c'era una discesa dalla parte opposta rispetto a dove mi voleva portare il garmin che portava al campeggio senza diventare cabrio  :#
    E ripeto usavo il top di gamma che era stato scelto da Triganò a primavera scorsa e poi tolto a settembre prima della fiera.
    “La mia casa continuerà a viaggiare su due gambe e i miei sogni non avranno frontiere.” 

    CHE GUEVARA
  • Ragazzi, io uso sempre il garmin più economico. Questo lo usi da 5 anni. Non ho mai avuto problemi. Certo, è coadiuvato dall'occhio vigile di mia moglie su altezze e larghezze. 
  • Brianzagolf ha detto:
    quest' estate ho usato il garmin top di gamma per i camper, mi faceva fare giri assurdi un paio di volte mi ha fatto fare decine di km per tornare allo stesso posto solo perchè avevo saltato una svolta, ma il top lo ha raggiunto a York (scozia) dove voleva portarmi ad un campeggio storico vicino al centro volendo farmi passare a tutti i costi sotto un ponte centenario troppo basso per un camper, ho provato più volte a deviare strada, ma sempre li mi portava. Alla fine l'ho spento e risalendo sulla strada del ponte ho visto che c'era una discesa dalla parte opposta rispetto a dove mi voleva portare il garmin che portava al campeggio senza diventare cabrio  :#
    E ripeto usavo il top di gamma che era stato scelto da Triganò a primavera scorsa e poi tolto a settembre prima della fiera.

    Ho avuto anch'io lo stesso problema a Beziers. Mi ha fatto fare una strada con sottopasso più basso delle dimensioni impostate. Per fortuna che me ne sono accorto in tempo.
  • appunto non è così infallibile anzi...
    “La mia casa continuerà a viaggiare su due gambe e i miei sogni non avranno frontiere.” 

    CHE GUEVARA
  • I0 mi trovo benissimo con Tom Tom Truck, è sicuramente migliore della versione camper, anche perché è la versione professionale usata dai trasportatori
  • fliege ha detto:
    I0 mi trovo benissimo con Tom Tom Truck, è sicuramente migliore della versione camper, anche perché è la versione professionale usata dai trasportatori
    io ho anche un Tom Tom Truk e se devo dirti la verità e davvero scarso, secondo me ha delle mappe non così perfette, io lo uso sul camion, sul camper no, i migliori per me sono quelli della Becker, forse come grafica non sono accattivanti ma sono ottimi, certo costano ed anche parecchio
  • camperlento ha detto:
    io ho anche un Tom Tom Truk e se devo dirti la verità e davvero scarso, secondo me ha delle mappe non così perfette, io lo uso sul camion, sul camper no, i migliori per me sono quelli della Becker, forse come grafica non sono accattivanti ma sono ottimi, certo costano ed anche parecchio
    Devi assicurarti che abbia sia il programma sia le mappe aggiornate, solo i nuovi modelli hanno l'aggiornamento a vita.
  • ragazzi tenete presente che le strade sono piene di cartelli guerdate con attenzione la strada al 90 % tutte le strettoie e i ponti sono segnalati occhio al cartello vietato sup 35 perchè quel cartello significa anche passaggi stretti bassi o ponti con linite portata quindi occhio... non dico di non usare il navigatore ma i cartelli ci sono...
  • fradaki ha detto:
    ragazzi tenete presente che le strade sono piene di cartelli guerdate con attenzione la strada al 90 % tutte le strettoie e i ponti sono segnalati occhio al cartello vietato sup 35 perchè quel cartello significa anche passaggi stretti bassi o ponti con linite portata quindi occhio... non dico di non usare il navigatore ma i cartelli ci sono...
     ;) 
    “La mia casa continuerà a viaggiare su due gambe e i miei sogni non avranno frontiere.” 

    CHE GUEVARA
  • camperlento ha detto:
    fliege ha detto:
    I0 mi trovo benissimo con Tom Tom Truck, è sicuramente migliore della versione camper, anche perché è la versione professionale usata dai trasportatori
    io ho anche un Tom Tom Truk e se devo dirti la verità e davvero scarso, secondo me ha delle mappe non così perfette, io lo uso sul camion, sul camper no, i migliori per me sono quelli della Becker, forse come grafica non sono accattivanti ma sono ottimi, certo costano ed anche parecchio
    8
  • Nel mio intervento sono stata molto sintetica, è vero.
    Il fatto è che col navigatore che avevo prima (un Becker appunto, che fra l'altro era aggiornabile solo a caro prezzo), pur impostando la funzione camion, si ostinava a farmi salire per rampe da garage o sterrate di campagna, o infilarmi nei centri storici, perchè era il "percorso più veloce".
    E' evidente che stiamo molto attenti alle altezze e larghezze. L'esperienza non ci manca, abbiamo il camper da 37 anni:  Più di una volta abbiamo dovuto combattere con balconcini bassi in strade senza marciapiede ed incrocio col pulman nel punto più stretto di un paese (Baunei, Sardegna, nello specifico), ed in questi casi non c'è navigatore che tenga.
    Proprio per questo, non solo consulto Google Maps, ma nel dubbio prima di infilarci nell'ignoto, approfondisco anche con Street View, e come ultima spiaggia prima di proseguire mi avventuro a piedi, o domando. Il difetto di Google Maps sta in effetti soprattutto nella mancanza di indicazione delle pendenze, Cosicchè ad esempio una strada che sembrava più larga di un'altra (nell'isola di San Pietro) si è rivelata con una pendenza mostruosa ed in pieno tornante, al limite della scarsa potenza del mio mezzo.
    Generalmente, prima di partire, mi studio l''itinerario ed approfondisco i punti dubbi, a volte scartando mete che si rivelano mal raggiungibili. Addirittura in certi casi salvo le mappe off-line, caso mai dovesse mancare la connessione proprio nel momento topico.
    Oltretutto Google Map si aggiorna davvero in tempo reale (per la tragedia del ponte Morandi a Genova o della tangenziale di Bologna la scorsa estate, dopo un quarto d'ora era già segnalata l'interruzione).

  • complimenti ci metti un sacco di passione e energia...
    noi partiamo quando ci siamo praticamente persi lo accendiamo.. ;) ;)
  • Il navigatore è sicuramente un elemento motlo utile per raggiungere una meta quando non la si conosce, quello che non si dovrebbe fare però è inserire il "pilota automatico". il bello di viaggiare in camper è anche quello di poter ammirare paesaggi durante il nostro viaggio.
  • I GPS terrestri sono dei semplici ausili alla guida. In altri ambiti sono invece considerati strumenti obbligatori al raggiungimento di un punto.

    Oggi grazie anche al sistema Glonass, la precisione di questi strumenti si è molto elevata, ma la totale affidabilità dipende in estrema sintesi dall'apparecchio riflettente, quello che noi abbiamo a bordo.

    Nell'automotive non è richiesto alcuno standard operativo e da qui nasce il problema legato all'affidabilità. In altri ambiti i GPS devono sottostare a delle specifiche per poter essere impiegati.

    È uno strumento di indubbia utilità ma, ripeto, nel caso dei veicoli comuni è semplicemente un ausilio, proprio perché non hanno, chi più, chi meno, quella certezza di svolgere il loro compito senza margini di errore.

    L'aggiornamento è basilare come è importante l'impostazione che gli viene data.

    In altri ambiti i GPS riducono quasi allo zero, i rischi di errore da parte dell'uomo che continua ad essere l'anello debole della catena degli eventi.

    Vi basti pensare che nella prima parte della seconda guerra mondiale, il 90% delle perdite in ambito aeronautico di tutti gli Stati coinvolti dei piloti di caccia, non erano legate al nemico, ma al disorientamento spaziale. Si perdevano, si finiva quindi il carburante e giù....
  • ciao NIBI non rieco capire bene dici che il sistema gps è perfetto ma poi quando viene utilizzato dai vari dispositivi in commercio ovviamente in base a aggiornamenti e qualità comincia a avere delle imprecisioni.... di fatti da come lo comprendo io il navigatore mi deve solo dare una mano a trovare la via e districarmi magari nei paesi quando sono arrivato a destinazione per il resto sta spento guardo la cartina prima di partire..
    Per quello che riguarda anello debole "l'uomo" fino che posso guidare io, e salutare un amico quando lo incrocio userò i mezzi di locomozione quando non sarà più cosi e sarà la tecnologia a farlo me ne terrò ben alla larga...
    Ah ancora una cosa nell aviazione moderna esiste ancora il "volo a vista" effettuato da piccoli aeri che in effetti viene propio pilotato il pilota tiene l'assetto e la rotta ben studiata prima di partire con l'utilizzo della bussola e altri apparecchi, i quali sono in dotazione sugli aerei da moooolto tempo.
    Per quello che riguarda gli aerei utilizzati nella seconda io penso che il problema più grosso è che fecero salire sugli aerei persone non qualificate e/o senza nessuna pianificazione......
  • Cerco di risponderti con il massimo della sintesi poiché hai tirato dentro più interrogativi:

    1) i GPS rispondono con margini di errore che dipendono dal software stesso dello strumento; con 200 euro hai di certo degli algoritmi diversi dallo strumento di 1000 e più...

    2) l'automazione salva le vite delle persone, lo dicono i dati non io. Io collaboro con STASA costituito per la maggior parte da professionisti del settore aereo e ho un osservatorio privilegiato sulle dinamiche legate all'interazione dell'uomo con la macchina.

Lascia un Commento

GrassettoCorsivoCancellatoElenco ordinatoElenco non ordinato
Emoji
Immagine
Allineamento a sinistraAllineamento al centroAllineamento a destraPassa alla visualizzazione HTMLPassa alla visualizzazione pagina interaAccendere/spegnere le luci
Spostare immagine/file