Cadono ponti e si tirano molotov

modificato 19:23 in Camper Bar
in questi ultimi giorni è successo di tutto.il ponte caduto sull'A14 proprio mentre quei due poveracci si trovavano a passare. Ed è il secondo caso in pochi mesi.la molotov tirata addosso ad un furgone dei Carabinieri a Napoli durante la manifestazione anti Salvini.due fatti di natura diversa, sicuramente. Ma due fatti emblematici. Uno è la cartina di tornasole della situazione paradossale in termini di sicurezza continuando ad utilizzare il sistema delle gare al massimo ribasso.Il secondo è la fotografia di un malessere che sta derivando, che si sta trasformando in qualcosa di molto molto pericoloso e che ricorda quel che abbiamo vissuto negli anni 70.E' una forma di democrazia molto personalizzata la loro ... ma mi chiedo e vi chiedo: è normale definire fascista, in questo caso è toccato a Salvini ma in passato anche altri esponenti della destra parlamentare hanno subito il medesimo trattamento, chi non è daccordo coi rappresentanti dei centri sociali ?Ed è normale che questi personaggi possano liberamente circolare e proseguire a tirare sassi, incendiare auto, lanciare molotov contro i Carabinieri ?Due poveri cristi sono morti sotto al ponte. Riceveranno giustizia tra qualche anno. E i congiunti riceveranno il giusto risarcimento (forse). Il direttore dei lavori verrà messo sulla graticola. L'azienda appaltatrice probabilmente dovrà fallire... ma i veri responsabili resteranno fuori dai giochi.E' un po' come per i 4 delinquenti... 4/6/8/10 saranno identificati, denunciati, probabilmente processati. Ma anche qui i veri responsabili resteranno impuniti.chi sono? indovinate .....
.... dall'etruschia centrale viterbese.....
è il voler giudicare che ci sconfigge... (Col. Kurtz)


Commenti

  • modificato 19:23
    I funzionari delle istituzioni italiane hanno uno strano modo per risparmiare. Mi ricordano molto quelli Fiat di qualche anno fa, quando l'unica efficienza veniva fatta sui fornitori e mai al loro interno. Ci vorrebbe un Marchionne a capo del governo, ma è una pia illusione.Purtroppo i centri sociali sono il braccio armato di alcuni partiti che li utilizzano per destabilizzare. Credo che a Napoli molta della responsabilità di ciò che è successo sia imputabile a De Magistris ed alla giunta comunale.
  • modificato 19:23
    Diciamo che a Napoli, ha fatto comodo far sapere a Salvini che non era il benvenuto....
  • modificato 19:23
    Che non fosse il benvenuto era risaputo, ma si deve per forza mettere a ferro e fuoco una città con la connivenza del sindaco?
  • modificato 19:23
    non dimenticate che nel 2001 i primi black bloc son venuti fuori proprio a Napoli ... che poi di napoletano ci fosse poco è altro ragionamento....Gli antefatti di Genova ci sono furono a Napoli, nella manifestazione del del 17 marzo 2001. Attenzione, non confondete i manifestanti pacifici con i violenti appartenenti alle frange anarco insurrezionaliste. Perchè quando parliamo di black bloc di questi personaggi stiamo parlando....Salvini? ha pieno diritto di parlare punto.I deliquenti? a Poggioreale...
    .... dall'etruschia centrale viterbese.....
    è il voler giudicare che ci sconfigge... (Col. Kurtz)


  • modificato 19:23
    questi manifestanti ( se cosi' li si puo' definire) sono tutta la marmagli del napoletano che hanno aiutato il caro DeMagistris a vincere le elezioni, e' oramai risaputo dappertutto che il caro sindaco appoggia e protegge questa massa di delinquenti dei centri sociali . Non sono un salviniano , ma ad ognuno e' concesso esprimere la propria opinione, anche se fino a poco prima ha tirato fango ( per non dire altro)verso una popolazione. Cmq in larga parte condivido il pensierodi Salvini, poiche' il caro De Magistris insieme a tutta la politica dell' assistenzialismo estremo ci stanno rendendo una succursale della feccia africana. Infatti i buoni vanno via e la feccia rimane qui' a finir di insudiciare una regione che ha gia' tanto di sudicio di per se'.
  • modificato 19:23
    AHAHAHAHAH La butto sul goliardico.E' proprio vero il mondo si è rovesciato, i comunisti cinesi che diventano capitalisti navigando a gonfie vele nella globalizzazione (loro), gli indiani religiosissimi che forse cominiciano ad apprezzare la Simmenthal, l'America che cerca di andare a braccetto con la Russia ed infine il Pirata di Caserta che "inneggia" a Salvini.......... non si può mai stare tranquilli *dash1*quilli*drinks*Alieno la tua considerazione mi trova perfettamente d'accordo *clapping*
    dal capoluogo della Tuscia
  • modificato 19:23
    il problema, caro Ciuccio, non e' xhe inneggio a Salvini . E' solo che condivido alcune cose che lui dice, il vero problema e' che come tutti i politicanti fanno tanto fumo e niente arrosto. Si sa che Salvini parla parla e poi non concludera' nulla, e' solo propaganda per racimolare voti cavalcando l' onda del malumore della gente.Perche' non e' venuto a Castel volturno dove tutti i problemi che vorrebbe combattere sono palesemente evidenti? Quindi e' solo fuffa come tutti i politici.E poi tutti che lo chiamano fascista, ma i fascisti all' epoca facevano i fatti non parole.
  • modificato 19:23
    A questo punto mi vien da chiedermi se sia più fascista Salvini con le sue sparate che alla fine lasciano il tempo che trovano o il sindaco che, pur di non lasciarlo parlare, non esita a tollerare degli squadristi tipo i black blocks?
  • modificato 19:23
    Scusate ma perchè dite che il sindaco tollera quei delinquanti, la protesta a Napoli era cominciata con un corteo pacifico, poi si sono infiltrati questi provocatori delinquenti ed ecco cosa è successo.Salvini, come chiunque abbia diritto, mi sembra che tenuto il suo comizio lo ha tenuto, io ho letto questo articolo che non credo sia stato scritto da qualcuno dei centri sociali.http://www.lastampa.it/2017/03/12/italia/cronache/guerriglia-contro-salvini-lui-denuncio-de-magistris-ZriMfXn8ALyR8a9g7cW9TN/pagina.htmlInfine e qui chiudo, il Salvini che prima "schifa" Napoli ed il sud e adesso lo corteggia, mi fa ridere.......... forse perchè anche al Nord "tengono famiglia"?
    dal capoluogo della Tuscia
  • modificato marzo 2017
    L'ho letto anch'io e mi pare che il coinvolgimento di De Magistris sia evidente. Un sindaco deve essere super partes, specialmente quando si tratta di un ex magistrato in cui il concetto di giustizia e di eguaglianza deve essere ben radicato.Il fatto stesso che abbia mandato al corteo la propria moglie e gran parte del consiglio comunale dimostra chiaramente che ha disatteso tutti questi concetti e così facendo ha solamente dimostrato di aver paura di Salvini.Salvini non lo si combatte mettendo a ferro e a fuoco una città, ma con il voto.
  • modificato 19:23
    ad e' proprio quello il problema caro Roussillon, il beneamato sindaco ha una fifa bestiale di Salvini , che cavalcando l' onda del populismo sta incalzando sull' elettorato di DeMagistris , a cui l' unica cosa che interessa sono i voti per una sua futura candidatura da premier.
  • modificato 19:23
    Vi invito ad ascoltare radio kisskiss napoli il venerdi' dalle 19 alle 19:30 , dove il caro sindaco ha un comizio perenne ogni settimana e sentite le boiate che dice.

Lascia un Commento

GrassettoCorsivoCancellatoElenco ordinatoElenco non ordinato
Emoji
Immagine
Allineamento a sinistraAllineamento al centroAllineamento a destraPassa alla visualizzazione HTMLPassa alla visualizzazione pagina interaAccendere/spegnere le luci
Spostare immagine/file