I Vaccini e le bufale senza senso

modificato 19:06 in Camper Bar
Non voglio star qua a polemizzare sulle esternazioni di qualche politico che nel dire che i vaccini sono inutili ha fatto affermazioni basandosi su convinzioni personali piuttosto che su basi scentifiche.Voglio dire però che proprio stamattina, trovandomi al pronto soccorso, ho visto entrare nella struttura ben tre bimbetti con il morbillo.Uno dietro l'altro, nel giro di un paio d'ore al massimo.Il morbillo avrebbe dovuto essere debellato. A sentire i tg dei giorni scorsi nel 2016 ci sono stati 650 casi. In questi primi 4 mesi già oltre 1600 e stamani in ospedale due medici parlavano apertamente di epidemia.Chissà, magari saranno stati quelli dell'industria farmaceutica (che non sono stinchi di santo, ovviamente) ad spargere il virus... ovviamente sto scherzando sulle parole di qualcuno nei giorni scorsi...
.... dall'etruschia centrale viterbese.....
è il voler giudicare che ci sconfigge... (Col. Kurtz)


Commenti

  • modificato 19:06
    Io ci lavoro in un Pronto Soccorso, e confermo la tua impressione: vediamo diversi casi di morbillo, ed erano anni che non se ne vedevano.
  • modificato 19:06
    Beh , il dubbio viene di sicuro, come gia' detto da Alien le industrie farmaceutiche non sono proprio stinchi di santo. Non e' che forse le idee dei catastrofisti che sembrano parlare di teorie del complotto, un piccolo fondo di verita'alla fine ce l' hanno?
  • modificato 19:06
    Io personalmente credo che queste malattie ci sono sempre state, il problema è che il contaggio era molto più contenuto perché le vaccinazioni erano maggiori.Con tutta la polemica dei rischi dei vaccini e del possibile collegamento con i disturbi dello spettro autistico sono molto diminuite le vaccinazioni e, quindi, maggiore è il rischio di contaggio.Io sinceramente mi sono fatto la mia personale idea (da padre) sul discorso delle vaccinazioni, per me i rischi associati ai vaccini sono inferiori ai benefici e, per quanto riguarda i disturbi dello spettro autistico, mi sono basato su quanto detto dalla pediatra che, comunque, mi dice che non ci sono correlazioni verificate tra le due cose.Quindi io sono a favore dei vaccini anche perchè diminuendo il rischio di contaggio si proteggono di più anche quei bimbi che per seri problemi non possono farli e che quindi sono più esposti anche a complicazioni.Il guiaio grosso è che si sente dire tutto ed il contrario di tutto e molti invece che informarsi puntualmente prendono delle notizie il più delle volte senza controllare le fonti, il che genera problemi seri quando poi si cala il discorso nell'ambito della salute.Il fatto poi che anche la classe politica nutra dubbi sulle vaccinazioni peggiora solamente le cose.Visto che si spendono miliardi per cose non proprio indispensabili io auspicherei che a livello nazionale venga distribuita a tutti i neo genitori una guida ministeriale a firma di personaggi autorevoli del mondo medico nel quale venga esposto per filo e per segno tutto quello che c'è da sapere sulle vaccinazioni cercando di fare finalmente il punto della situazione.
  • modificato 19:06
    Io, personalmente, credo che se la razza umana sia ancora qui a raccontarsela sia in parte anche merito dei vaccini.Il rischio di complicanze immediate in seguito alla vaccinazione è oggi così contenuto da rendere più pericolosa la comune alimentazione, e le supposte correlazioni vaccino/autismo non mi risultano, ad oggi, confermate con valenza scientifica.Una grossa fetta di popolazione adulta non è vaccinata, non è tantissimo che ci si vaccina con la trivalente, e vedendone decine al mese non auguro a nessun adulto di portarsi a casa un morbillo! I bambini se lo prendono e lo superano in maniera più o meno veloce, nell'adulto si scatena una reazione immunitaria devastante ... son davvero 2 settimane d'inferno!E con sempre più bambini non vaccinati, che per definizione frequentano luoghi frequentati da altri bambini, anche gli adulti "malati" aumentano vertiginosamente.
  • modificato 19:06
    ciao Emanuele, sei etrusco anche tu a quanto leggo. Bene, solo per la cronaca, il PS in cui mi son trovato era quello di Belcolle. E gli affetti da morbillo erano quindi proprio qui, nel nostro territorio.Una guida da dare ai neogenitori? si, potrebbe essere una buona cosa. Ma forse si otterrebbe di più, molto di più, se le persone la smettessero di informarsi esclusivamente su Facebook o su altri autorevoli siti di divulgazione medica, come ad esempio il grandecocomero, piovegovernoladro ed altre amenità simili... E' un discorso complesso, tanto complesso per quanto semplice in realtà. Ma difficilmente le persone ammetteranno di essersi informati utilizzando siti di gossip infarciti di bufale.E la storia delle fake-news in questi giorni alla ribalta non è una storiella da due soldi. Ormai è d'uso comune che specie su FB ci sia chi giornalmente si diverta a mettere in circolo notizie palesemente false ma a cui la gente crede....
    .... dall'etruschia centrale viterbese.....
    è il voler giudicare che ci sconfigge... (Col. Kurtz)


  • modificato 19:06
    Ciao Alien, hai perfettamente ragione, la disinformazione su internet dilaga in ogni ambito e quando è legata alla salute diventa anche pericolosa.Per quanto rigurda il morbillo confido nel vaccino fatto anche se ho il timore che in forma lieve gli possa comunque venire (probabilmente sono paranoie mie).
  • modificato 19:06
    Che lo siano o meno hai comunque fatto una scelta ponderata e supportata da un lavoro di documentazione. Altresì oltre ad aver protetto la tua prole hai ridotto drasticamente le possibilità che la malattia varchi le porte di casa tua, ed è un altro risultato non da poco. In termini più generalizzati stai contribuento a debellare una malattia che era già debellata.PS. ora non so quanti hanni ha tuo/a figlio/a ... ma una cosa la so per certo: se anche non farà il morbillo avrà altri modi per farti passare qualche notte insonne :D
  • modificato aprile 2017
    Io sono della generazione che non ha fatto troppi vaccini, non per volontà dei miei genitori, ma proprio perché non c'era la cultura anche tra i medici ed infatti ho preso tutte le malattie dell'infanzia.Memore della mia esperienza, ho fatto vaccinare mia figlia contro tutto, anche contro le tasse. Non posso dire che non abbia preso malattie, ma comunque quelle poche sono state fatte in forma molto blanda.Io sono pienamente favorevole ai vaccini e quindi il mio consiglio è di non esitare a sottoporre la propria prole alla vaccinazione.Io sono allergico all'acido acetilsalicilico, per cui il mio medico è restio a farmi fare il vaccino antinfluenzale. Lo scorso inverno, dopo decenni, ho fatto un'influenza che mi ha lasciato prostrato per diverse settimane. Questo mi fa dire che, se non ci sono controindicazioni specifiche, come nel mio caso, è estremamente utile sottoporsi alla vaccinazione. Non date retta ai sogni chè poi magari si trasformano in incubi.
  • modificato 19:06
    Anch'io sono della generazione che di vaccini ce n'erano pochissimi ma ora ci si vaccina contro tutto e secondo me giustamente . Pero,credo che come per tante cose , ce un minimo di ricerca da fare in quanto ,per esempio, tanta gente non sa di essere intolerante al uovo e si sa che buona parte degli vaccini sono prodotti partendo dal uovo . Per tranquilizzare la gente sarebbe opportuno fare qualche acertamento onde evitare piccoli inconvenienti . Suppongo che per altri vaccini qualche altro prodoto di sintesi possa creare qualche momentaneo disturbo al paziente . Questo e un mio parrere da citadino convinto del utilità dei vaccini . Saluti Nicola
  • modificato 19:06
    Purtroppo sempre più spesso su internet si trova una falsa informzaione, a volte così smaccatamente inverosimile che sembra impossibile che qualcuno possa cascarci. Ma si sa, oggi si preferisce fare l'autodiagnosi su google piuttosto che andare da un medico. I vaccini sono fondamentali, per quanto opportuniste possano essere le case farmaceutiche e vi siano effetti collaterali. ma tutto questo è niente a confronto dei benefici che tutta la comunità può trarre dalle vaccinazioni. Non solo per noi stessi e per i nostri figli, ma anche per tutte quelle persone, bambini o anziani che siano, che non si possono vaccinare (perchè, ad esempio, il bambino è ancora troppo piccolo). L'immunità di gregge non è una favola ma è una cosa fondamentale per la salvaguardia della salute. Sempre più spesso gli asili nido stanno adottando misure preventive, impedendo ai bambini non vaccinati di accedere a tali strutture. Proviamo a pensare ad un bambino con il morbillo che gioca assieme ad altri bambini non vaccinati e poi torna a casa e saluta il fratellino che ha solo pochi mesi ... il morbillo è una malattia potenzialmente letale. Dati OMS alla mano, nel 2015 (per il 2016 le stime ancora non ci sono) sono morti, nel mondo, 450000 bambini affetti da morbillo; soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove l'opportunità di vaccinarsi è praticamente nulla. Questo rafforza ancor di più un fatto e cioè che nei paesi cosiddetti occidentali, molte malattie sono praticamente scomparse perchè i vaccini hanno fatto il loro dovere. Ripeto, le case farmaceutiche non sono un'accolita di santi, ma le medicine sono fondamentali, così come lo è vaccinare i propri figli.

Lascia un Commento

GrassettoCorsivoCancellatoElenco ordinatoElenco non ordinato
Emoji
Immagine
Allineamento a sinistraAllineamento al centroAllineamento a destraPassa alla visualizzazione HTMLPassa alla visualizzazione pagina interaAccendere/spegnere le luci
Spostare immagine/file