Alghe nel serbatoio

Ciao a tutti, qualcuno ha sentito parlare di queste alghe che si formerebbero all'interno del serbatoio?Ho sentito che il fatto e' dovuto all'immissione di una percentuale di combustibile biologico nella nafta.E' reale la cosa o e' solo una diceria?
«1

Commenti

  • modificato 11:53
    é una notizia che risale al 2013 e riguardava solo alcune piccole zone del territorio italiano.
    Sempre devi avere in mente Itaca ­raggiungerla sia il pensiero costante.
    Soprattutto, non affrettare il viaggio;
    fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio metta piede sull’isola, tu, ricco
    dei tesori accumulati per strada senza aspettarti ricchezze da Itaca.
    Itaca ti ha dato il bel viaggio,senza di lei mai ti saresti messo
    sulla strada: che cos’altro ti aspetti?
    (Kostantin Kavafis, Itaca)

    Repubblica marciana

  • modificato 11:53
    E' assolutamente reale il problema, ed anche molto importante !Sono causate dalle componenti Bio nel gasolio, Bio, significa Vita, esseri viventi, sono batteri che in presenza di acqua prolificano dando vita a colture, che chiamiamo "Alghe".L'unico modo per proteggersi, è usare adittivi Bio Killer, ovvero degli...antibiotici!Purtroppo molto spesso le colture iniziano e si sviluppano nei serbatoi dei distributori, ma, una volta inserito il gasolio contaminato e già con colture in sospensione, se si trova l'antibiotico...tutto finisce li, se nel serbatoio della vettura non si trova nulla...le colture prolificano, e si forma quella massa nera, collosa, che viene definita alga, a quel punto, è tardi per usare il biokiller, perchè, anche se spenta la formazione, la massa non sparisce, e và ad intasare filtri, e pescanti nel serbatoio.La cura è, in quel caso, smontare il serbatoio, pulirlo, inserire gasolio nuovo e pulito, biokiller, e far funzionare il motore, per sconfiggere anche le colture nell'impianto, filtro, tubi e pompa di gasolio! *bye* CiaoGianfranco
  • modificato 11:53
    più o meno e così, anche se per far sviluppare le alghe devi lasciare il mezzo fermo parecchio, se usi il mezzo e fai il pieno abbastanza sovente diciamo fai rifornimento una volta al mese e abbastanza difficile avere sto problema, il problema alghe te lo trovi specie se fai rifornimento alle pompe bianche, ma se fai rifornimento e poi usi il mezzo non hai nessun problema se poi quando parcheggi il mezzo per tempi abbastanza lunghi hai cura di fare il pieno il problema alghe quasi non esite, l'importante e che ci sia poca aria nel serbatoio, forse non e il modo perfetto per fermare il problema alghe ma io vedo che funziona, non serve a niente fare ogni tanto rifornimento di gasolio di qualità superiore, quello che costa di più, anzi il più delle volte fa si che si intasi tutto.
  • modificato 11:53
    Non concordo.Ritengo siano credenze popolari, senza fondamento tecnico.Le colonie batteriche prolificano in presenza di acqua, una volta che entrano nel serbatoio del mezzo, al rifornimento da un serbatoio già infestato, non possono far altro che continuare a crescere.Si tratta di fortuna, sicuramente un sovente consumo di carburante ne riduce il rischio, come pure il rifornimento da cisterne correttamente e frequentemente pulite ed ispezionate, oppure trattate opportunamente.1 litro di Bio Killer tratta 10000 litri di carburante, o 5000 in azione d'urto (per infestazioni gravi), costa circa 25€, molti gestori lo impiegano, pochi utenti...fanno altrettanto. CiaoGianfranco
  • modificato 11:53
    perchè mi punge vaghezza che questo sia un post pilotato? *unknw*
    Sempre devi avere in mente Itaca ­raggiungerla sia il pensiero costante.
    Soprattutto, non affrettare il viaggio;
    fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio metta piede sull’isola, tu, ricco
    dei tesori accumulati per strada senza aspettarti ricchezze da Itaca.
    Itaca ti ha dato il bel viaggio,senza di lei mai ti saresti messo
    sulla strada: che cos’altro ti aspetti?
    (Kostantin Kavafis, Itaca)

    Repubblica marciana

  • modificato 11:53
    scusa, questo discorso potrebbe essere interessante. parli di bio-killer: cos'è? come si chiama? dove si acquista?
    .... dall'etruschia centrale viterbese.....
    è il voler giudicare che ci sconfigge... (Col. Kurtz)


  • modificato 11:53
    Mah, ne esistono molti,sono normali biocidi,di solito li vendono i ricambisti,ma si possono trovare in confezioni più grandi e più convenienti, direttamente dai fornitori.So che ci sono varie marche, come per gli adittivi gasolio, non credo ci sia una marca migliore delle altre. CiaoGianfranco
  • modificato 11:53
    grazie GFranco
    .... dall'etruschia centrale viterbese.....
    è il voler giudicare che ci sconfigge... (Col. Kurtz)


  • modificato 11:53
    Il mio meccanico di fiducia quando mi ha fatto il tagliando me ne ha parlato, ma mi ha suggerito di metterlo solo se lo lascio fermo per parecchio ... altrimenti il problema è, a sua detta, relativo.Lui ne aveva una boccetta da mezzo litro, di quelle che se la spremi riempi il tappo, e poi la svuoti nel serbatoio (le boccette tipo quelle del liquido per i tergicristalli per capirci).Certo è che con quel che paghiamo il gasolio doverci mettere anche degli additivi è davvero frustrante ...
  • modificato 11:53
    ha ragione il tuo meccanico, comunque la maggior parte del gasolio in commercio ha gia questi additivi, solo certe pompe bianche non lo mettono, ma poi ora penso che anche loro alla fine lo mettono, per me rimane la buona regola di fermare il mezzo con il serbatoio pieno per cui poca aria o nienter così poco ossigeno e le alghe si attaccano al tram, almeno così mi ha detto un mio amico militare che loro hanno fatto studi su questa cosa.si ma si parla di lasciare il mezzo fermo tanto non solo qualche mese.
  • modificato 11:53
    Le alghe si formano, e prolificano, in presenza di acqua,giusto il consiglio di mantenere il serbatoio pieno, ma SOLO per il fatto che è minore ilcontenuto di aria umida, che condensa, con le escursioni termiche, e non goccia acqua in serbatoio.L'acqua si forma anche per effetto di decomposizione delle componenti bio del gasolio, che sono anche di natura vegetale, derivate dalle alghe marine (non è solo olio di colza il bio contenuto),poi l'acqua è presente anche nelle cisterne dei distributori!I gestori NON sono obbligati ad adittivare il gasolio, è una loro scelta, dato che i prodotti immessi sono di tasca loro....qualcuno lo fà, pochi, qualche deposito di zona pure, ma sono pochi. Un'inciso, i depositi di zona, dove si riforniscono TUTTE le cisterne, i Kilolitri, di prodotti standard (non gli speciali, come il VPower finchè c'era la Shell, e gli altri dei marchi presenti sul territorio...), derivano TUTTI dalle stesse linee!NON c'è differenza fra il colore della Pompa ! *cray2* CiaoGianfranco
  • modificato 11:53
    no di differenza ce ne molta eccome, io quando consumavo tanto gasolio e lo compravo dai grossisti mi davano le analisi e la densità che poi alla fine e quella più facilmente verificabile e più il gasolio e volatile più la qualità e alta e cambia il prezzo, le pompe bianche comprano sempre quello di densità più alta che e gasolio con caratteristiche minori, accorgersene su un motore di un camper e estremamente difficile anzi quasi impossibile, la diffrenza la fanni i residui qui la cosa cambia tanto ma e uan cosa difficile tecnicamente e penso anche che interessi poco.
  • modificato 11:53
    Forse NON ti riferisci al gasolio per autotrazione,dove valori come viscosità, peso specifico, grado di Lubricity, numero di cetano, percentuale di zolfo ecc ecc sono strettamente definiti e prescritti per legge, secondo norme europee!NON esiste differenza, per gasoli definiti "Per Autotrazione", mi spiace. CiaoGianfranco
  • modificato 11:53
    mi spiace ma non e così se vuoi vado a cercare i certificati e posso garantirti che tutti i paramentri che tu dici sono si normati ma alcuni hanno un ampio valore su cui lavorano tra questi anche il peso specifico, solo lo zolfo ha parametri strettissimi, questo perchè dipende dalla provenienza del greggio e dalla formulazione degli aromatici e della possibilità di miscelazione di biocarburante, nulla vieterebbe di vendere gasolio senza biocarburante, ma per il momento e consigliato dalla comunità europea aggiungere una quantità minima, per cui se lo metti deve stare tra un minimo e un massimo o niente, ma qui si va a finire in cose che sinceramente ci riguardano poco, comunque sia sappi che il gasolio per riscaldamendo nelle nuove formulazioni e latamente inadatto ad essere usato nei motori diesel come il gasolio ora distribuito da autotrazione non e per niente adatto ad essere usato come combustibile per i bruciatori o webasto, ma qui e un discorso diverso e trattarlo qui e complicato e non tutti vorrebbero capire senza far polemica.
  • modificato 11:53
    che dire... la state portando all'esasperazione questa discussione.... son 36 hanni che ho la patente, 30 anni che guido auto con motori a gasolio, senza parlare di mezzi a gasolio diversi dal diporto, e sinceramente nelle mie cisterne e nei miei serbatoi mai ho visto alghe.non dico che non ci siano situazioni in cui si possano sviluppare ma credo che tra dire che siano un'emergenza e dire che ipoteticamente potrebbero svilupparsi il discorso cambi, e pure di molto.Ecco che allora uno si programma l'investimento: 10 confezioni di biokiller..... quanto potranno costare? 50 euro? 100 euro?si versano nelle cisterne, nei serbatoi e .. bonanotte ai sonatori.Secondo me ste alghe hanno la possibbilità di svilupparsi nei serbatoi del gasolio alla stessa stregua di quella nostrane che crescono nei serbatoi delle acque chiare. Ossia zero o poco più....
    .... dall'etruschia centrale viterbese.....
    è il voler giudicare che ci sconfigge... (Col. Kurtz)


  • modificato 11:53
    camperlento ha scritto:
    mi spiace ma non e così se vuoi vado a cercare i certificati e posso garantirti che tutti i paramentri che tu dici sono si normati ma alcuni hanno un ampio valore su cui lavorano tra questi anche il peso specifico, solo lo zolfo ha parametri strettissimi, questo perchè dipende dalla provenienza del greggio e dalla formulazione degli aromatici e della possibilità di miscelazione di biocarburante, nulla vieterebbe di vendere gasolio senza biocarburante, ma per il momento e consigliato dalla comunità europea aggiungere una quantità minima, per cui se lo metti deve stare tra un minimo e un massimo o niente, ma qui si va a finire in cose che sinceramente ci riguardano poco, comunque sia sappi che il gasolio per riscaldamendo nelle nuove formulazioni e latamente inadatto ad essere usato nei motori diesel come il gasolio ora distribuito da autotrazione non e per niente adatto ad essere usato come combustibile per i bruciatori o webasto, ma qui e un discorso diverso e trattarlo qui e complicato e non tutti vorrebbero capire senza far polemica.
    Dopo aver per anni avuto officina, e preparazioni vetture da competizione,oggi, e da qualche tempo, lavoro al https://www.tal-oil.com/?lang=ittrattiamo qualche "etto" di petrolio *yahoo* mi spiace, ma devo dissentire!Credo Tu stia sbagliando *nea* CiaoGianfranco
  • modificato 11:53
    Sai Alien,veramente sono svariati gli interventi che concessionarie, officine di Pompisti, e meccanici generici, fanno a proposito su problemi di alimentazione gasolio.Credo bastino alcune domande a qualcuno di essi, che conosci, per valutare la reale gravità del problerma.Dal 2015 è stato aumentato il grado percentuale, di Bio nel gasolio di autotrazione, utilizzabile, ovviamente una quota minima è obbligatoria per regolamento europeo, il massimo è auspicato, ma non imposto,ad eccezione dei gasoli speciali, che, in quanto speciali, possono,(e debbono) essere esenti .Ripeto, l'unico che ritenevo Superiore era il Shell con GTL, molto valido anche il Blue Diesel di ENI, oggi convertito alla più alta percentuale di Bio possibile, per scelta, e Shell ha abbandonato il mercato Italiano, cedendo a Q8 sedi ed impianti! E' vero che è il tempo di stoccaggio che ne fà la gravità, ma i gradi di filtrazione sempre più stretti, per andare incontro ai modernissimi Common Rails ,e le pressioni di alimentazione di oltre 2000bar, danno problemi, per veramente pochi inquinanti nel combustibile.Non griderei al disastro, al pericolo impellente, certamente però, non è il caso di sottovalutarlo, pena, un risveglio tardivo e costoso, di coloro che ne venissero coinvolti loro malgrado, con vetture o con Camper! *yes3* CiaoGianfranco
  • modificato 11:53
    Speedy_3 ha scritto:
    Sai Alien,CUTNon griderei al disastro, al pericolo impellente, certamente però, non è il caso di sottovalutarlo, pena, un risveglio tardivo e costoso, di coloro che ne venissero coinvolti loro malgrado, con vetture o con Camper! CiaoGianfranco
    Ecco, la discussione impostata così mi piace molto di più... senza esasperazioni... ma avvertimento su qualcosa che potrebbe accadere.Personalmente non ho mai utilizzato bio-killer ma sulla scorta di quel che hai scritto ho fatto 4 chiacchiere con chi ne sa più di me. E l'additivo l'ho già versato nelle cisterne ...
    .... dall'etruschia centrale viterbese.....
    è il voler giudicare che ci sconfigge... (Col. Kurtz)


  • modificato 11:53
    anche io sono tanti anni che ho la patente ed uso mezzi diesel, ma il common rail l'aggiunta di biocarburburante e cosa assai recente qualche anno, per cui importa ben poco l'esperienza in passato, i problemi relativi a questi tipi di carburante sono cosa recente e non si hanno per ora grandi esperienze.
  • modificato 11:53
    Perdonami, ma NON è proprio così, non del tutto,qualcuno all'inizio del post ha parlato di problemi dal 2013, in realtà il problema si è manifestato anche prima,i motori Common Rail, sono Ben precedenti al 2013, parliamo dai primi degli anni 2000,negli ultimi anni, le pressioni sono satate incrementate, di conseguenza i gradi di filtrazione dei sistemi, in quanto pompe di alta pressione e iniettori piezoelettrici, ne patirebbero eccessivamente,i problemi, viceversa, quando le colture sono importanti, gravano anche su motori di vecchia concezione, iniezione diretta con iniettore/pompa, o con normale pompa Bosch in linea, e lo sanno molto bene coloro che hanno sistemi di Motopompe Antincendio, oppure gruppi elettrogeni, di grosse realtà, dove l'avviamento, seppur saltuario, è INDISPENSABILE, (intendo sistemi antincendio di Parchi serbatoi di stoccaggio liquidi infiammabili, Raffinerie, Ospedali con i loro gruppi elettrogeni...ecc ecc),i problemi sono noti, ed è il caso di saperlo, poi...provvedere o meno, è una scelta, ma la conoscenza del problema è obbligata *mail1* CiaoGianfranco
  • modificato 11:53
    Speedy_3 ha scritto:
    Perdonami, ma NON è proprio così, non del tutto, qualcuno all'inizio del post ha parlato di problemi dal 2013, in realtà il problema si è manifestato anche prima, i motori Common Rail, sono Ben precedenti al 2013, parliamo dai primi degli anni 2000, negli ultimi anni, le pressioni sono satate incrementate, di conseguenza i gradi di filtrazione dei sistemi, in quanto pompe di alta pressione e iniettori piezoelettrici, ne patirebbero eccessivamente, i problemi, viceversa, quando le colture sono importanti, gravano anche su motori di vecchia concezione, iniezione diretta con iniettore/pompa, o con normale pompa Bosch in linea, e lo sanno molto bene coloro che hanno sistemi di Motopompe Antincendio, oppure gruppi elettrogeni, di grosse realtà, dove l'avviamento, seppur saltuario, è INDISPENSABILE, (intendo sistemi antincendio di Parchi serbatoi di stoccaggio liquidi infiammabili, Raffinerie, Ospedali con i loro gruppi elettrogeni...ecc ecc), i problemi sono noti, ed è il caso di saperlo, poi...provvedere o meno, è una scelta, ma la conoscenza del problema è obbligata Ciao Gianfranco
    Molto vero ciò che scrive Gianfranco su tutto l'argomento.Purtroppo la serietà di chi produce carburanti e poi li introduce nelle cisterne di chi deve distribuire il pregiato liquido, esiste - solo - nel settore aeronautico, ove i passaggi devono sottostare a normative rigide e assolute da molti anni.Negli aeromobili comunque per sconguirare il problema di proliferazione di qualsivoglia sgradito ospite all'interno dei serbatoi, nei lunghi periodi di inattività, come si è già detto, è lasciarli completamente pieni. La percentuale di incidenti aerei causa carburante inquinato, nonostante tutto, è sempre comunque importante anche in aviazione generale. Nel mondo del volo minimalista (ad esempio per gli ulm), è una delle prime cause di incidente tecnico, poichè non vi è obbligo di rifornimento presso pompe certificate e quindi.......Per chi non è un pilota di aerei in aviazione generale, sappia che il problema del carburante è così importante che ogni volta che si va in volo è fatto obbligo del pilota precedere, con opportuno bicchierino trasparente (una provetta) allo spurgo di tutti i serbatoi presenti e del pozzetto di raccolta e congiungimento dell'alimentazione e verificare che non vi sia presenza di acqua. L'acqua è più pesante e si vede subito, a quel punto, solo un pazzo procederebbe al decollo.Sul camper ma anche su altri mezzi che ho, terrestri e marini (dove quindi posso), utilizzo spesso filtri a monte del serbatoio che ispeziono con facilità e, ogni tanto, introduco su un pieno olio per motori a 2 tempi che ha più funzioni, anche quella di mantenere/distruggere gli inquinamenti presenti nei serbatoi. Ho usato anche additivi specifici e, sino ad oggi, non ho avuto problemi di alimentazione o rottura di componenti direttamente interessati al percorso del liquido e sua polverizzazione.Marco.
  • modificato 11:53
    Grazie a tutti per le risposte.
  • modificato 11:53
    ad detta del mio benzinaio prima di rifornire le cisterne devono fare obbligatoriamente il lavaggio delle cisterne e disinfestazione,ma presempio per farlo a tutte le sue cisterne ci vuole 500 euro quindi non sempre la fa.e il problema che le cisterne fanno molta condensa e le alghette vanno a nozze.cmq nel serbatoio non ho mai sentito nessuno che ha avuto questi problemi,l'acqua nei filtri si ma alghe no
  • modificato 11:53
    Buon per Te !*i-m_so_happy*Finchè regge...il sedere è meglio festeggiarlo ! Scherzi a parte, è meglio non aspettare di conoscere personalmente un problema...noto,neppure io ho mai provato un'infarto, ma....pare esista e non sia un caso isolato !Costa veramente poco, di tanto in tanto...curarsi, anche il serbatoio del gasolio, con degli antibiotici. PSEro in zona Tua La settimana scorsa...ogni autunno vengo a godermela !
  • modificato 11:53
    Ciao...In merito a questo problema...http://i67.tinypic.com/ra0rpi.jpgNon so se si vede la foto... ( pescante con retina inox inpanato con alghe a modello ciupa ciupa...)ho risolto e con incremento di briosità utilizzando acetone aggiunto al serbatoio gasolio.Sul link http://www.caravan-forum.it/forums/archive/index.php/t-2932.html Parla di questo rimedio...Provato su più mezzi e ha funzionato egregiamente...Secondo mè parecchi additivi di marca contengono una buona percentuale di acetone...
  • modificato 11:53
    Allora.... ieri ho parlato col benzianaio di fiducia un ragazzo abbastanza preparato, mi ha intrattenuto per circa 20 minuti spiegandomi codesta cosa:il problema alghe esiste, non conta quanto serbatoio vuoto tu abbia o meno, certo più aria più alghette ma anche poca aria le provoca ugualeloro nelle cisterne ci buttano il prodotto per ucciderle ad ogni rifornimento (della loro cisterna) che fannoil pericolo maggiore sarà dall'anno prossimo in quanto la comunità europea per le leggi antiinquinamento ha aumentato vertiginosamente illimite del biodiesel oggi al 7% dall'anno prossimo 12 o 15 % non ricordo esattamente. stanno già studiando e iniziando ad inserire l'antialghe direttamente nelle loro grandi cisterne ( intendo le aziende produttrici) perchè hanno constatato e avuto dei piccoli problemi già a monte.non arrivare mai in riserva sparata, più il mezzo è vecchio più bisogna cercare di non usare "il fondo"spero mi abbiano dato notizie corrette....... comunque contro il suo interesse mi ha detto di non usare l'antialghe nel serbatoio che non serve a nulla.
  • modificato 11:53
    Tutto vero e giusto, e già detto e risaputo,non concordo con l'affermazione finale...."comunque contro il suo interesse mi ha detto di non usare l'antialghe nel serbatoio che non serve a nulla "che...oltre a non essere confermabile (dopo alcuni guasti di motogeneratori d'emergenza e motopompe antincendio, alle pompe di iniezione bloccate dalle alghe, ho fatto inserire, ciclicamente l'antialga nei serbatoi, e...non si sono più verificati guasti e/o problemi....),cozza con le affermazioni precedenti:" loro nelle cisterne ci buttano il prodotto per ucciderle ad ogni rifornimento (della loro cisterna) "ed anche :" stanno già studiando e iniziando ad inserire l'antialghe direttamente nelle loro grandi cisterne ( intendo le aziende produttrici) perchè hanno constatato e avuto dei piccoli problemi già a monte " se non serve....perchè lo mettono ? *scratch_one-s_head* se volete, se ritenete che il pericolo ci sia...mettetelo, se ritenete di poterne/volerne fare a meno....non mettetelo, alla fine è sempre scelta personale *pleasantry*
  • modificato 11:53
    Cepe77 ha scritto:
    Allora.... ieri ho parlato col benzianaio di fiducia un ragazzo abbastanza preparato, mi ha intrattenuto per circa 20 minuti spiegandomi codesta cosa:CUT
    Già immagino la manina ... partita già al primo minuto?*ROFL*
  • modificato 11:53
    *ROFL* e immagini bene DonSpeedy, proprio perché le usano loro e quindi sono già presenti, così diceva lui
  • modificato 11:53
    Sai, non sono cose dovute...sono a discrezione del gestore, sono ...a spese del gestore...molti, anche fra gli utenti, vedi bene, negano il rischio, il pericolo, persino la veridicità...io...NON mi fido !Corretto quando dici che da quest'anno (è già stato applicato) l'aumento di percentuale du Bio, a fino il 15%,il Portogallo, su pompe contrassegnate, già 8 anni fà, aveva il 25% di Bio....se volete NON metterlo nel serbatoio...è comprensibile e legittimo, io...lo metto *fool* Sai, un pò come l'anticongelante nel gasolio, ed il gasolio Artico....quando paraffina in montagna...è già troppo tardi,ed è inutile dare la colpa al distributore in autostrada che NON lo aveva adittivato!

Lascia un Commento

GrassettoCorsivoCancellatoElenco ordinatoElenco non ordinato
Emoji
Immagine
Allineamento a sinistraAllineamento al centroAllineamento a destraPassa alla visualizzazione HTMLPassa alla visualizzazione pagina interaAccendere/spegnere le luci
Spostare immagine/file